Rifugi / Revelli

Tipologia: bivacco

Categoria: D

6 posti letto

Altitudine: 2610 m

Vallone di Ciardoney - Pian delle Mule, Ronco C.se, Valle Soana

aperto

Aperture:
dal 01 Gennaio 2018 al 31 Dicembre 2018

Informazioni

Il bivacco è di proprietà del CAI Torino ed è gestito dalla Sottosezione GEAT. Per il pagamento del pernottamento (5€ a persona) vi preghiamo di utilizzare:

bollettino Conto Corrente Postale n.11596103
intestato a G.E.A.T. sottosezione CAI Torino
Via Barbaroux. n.1 - 10122 Torino

oppure con bonifico
IBAN IT56 R076 0101 0000 0001 1596 103 - BIC/SWIFT BPPIITRRXXX
intestato a G.E.A.T. sottosezione CAI Torino

Accesso

da Molino di Forzo su sentiero in ore 4. da Forzo 1178 m (sulla facciata di una casa si legge: Com.ne di Ronco Ca. Sez. VI borgata Forzo) si esce a sinistra del piccolo abitato, sul sentiero che percorre i pascoli del fondovalle sulla sinistra del torrente formato dalle acque del Rio di Forzo e del Rio di Meialet; in c. 10 min. si giunge al bivio, non molto evidente, dove occorre seguire il sentierino che si stacca dalla destra e sale fra i cespugli di nocciolo. Il sentiero, passato accanto ai ruderi di alcune baite, si porta con salita tortuosa nei pressi di una colata di pietrame e da questo punto, per un lungo tratto (c. 25 minuti), si snoda a serpentine nei pressi dell’anzidetta colata di pietrame, attraversandola più volte. Continua poi verso sinistra in un boschetto di radi larici, guadagnando uno stretto costone che risale a svolte; superato un pilone votivo, poggia leggermente a destra, procedendo per un buon tratto parallelo al costone. Il sentiero, lasciata a destra una baita diroccata, riprende a salire tortuoso e, dopo 15 min., guadagna la conca dove sorge l’A. Sorina 1840 m c. (segnata ma non nominata sull’agg. 1968 della tav. IGM). Da questo sito si segue il sentiero che volge decisamente a sin. (SO), si porta in una zona di radi larici e macchie di rododendri dove riprende a salire con alcune svolte. Guadagnato un primo dosso, da cui si ha una bella veduta del versante S-SE della Torre di Lavina, si porta su un secondo, poi su un terzo dove sorge la Casa di Caccia Vittoria (1 h 50’). Dalla casa di caccia si va in piano verso la Grangia Vassinetto 2017 m, poi, giunti nei pressi di un torrentello, si lascia a sinistra la traccia per il Passo del Lago Gelato (segnavia EPT 605) e si prosegue direttamente verso un salto di roccia dove c’è un grosso cartello del P.N.G.P.; costeggiato il salto alla base, non si attraversa il torrente a destra che si vede scavalcato da una passerella di legno al sommo di una cascatella. Si prosegue sulla destra idr. del torrente salendo verso un costolone roccioso da cui si scende leggermente ad un pianoro cosparso di massi fra i quali serpeggia la traccia, a tratti vicino alla rive del torrente, a tratti discostandosi. Si vede poco dopo il grosso torrente provenire decisamente da destra con l’acqua che discende quasi a cascata da un ripido pendio; si prosegue ancora in direzione rettilinea e poi obliqua verso destra, attraversando un piccolo ruscello tributario di destra or. del principale. Si sale quindi con ampie svolte verso un costolone erboso, giunti alla sommità del quale si passa accanto ad una lunga baita su una dorsale (2289 m, indicata come ruderi sulla tav. IGM), già visibile dal sottostante pianoro. Il sentierino si porta sulla cresta di erba e pietrame dietro la baita e la supera a svolte finché, giunto ad una quota di 2400 m c., si fa quasi pianeggiante sulla sinistra della cresta (punto da cui è visibile il bivacco al sommo di un cucuzzolo). Guadagnata la conca bagnata dal Lago Pian delle Mule, si supera la scarpata a monte dello specchio d’acqua per un canale, e, proseguendo in direzione del bivacco, lo si raggiunge per ripidi pendii d’erba e massi ( 1h 15’).

Itinerari

Principali ascensioni
Punta Gialin, Uje di Ciardonei, Cime di Valeille, Punta e Ago delle Sengie, Roccia Azzurra, Monveso di Forzo.

Rifugi limitrofi
Bivacco Antoldi, bivacco Davito, Rifugio Pocchiola-Meneghello.

Storia

Il bivacco sorge in magnifica posizione al centro del vallone di Ciardonei, tributario della Valle di Forzo. La costruzione di legno rivestita di lamiera è stata inaugurata il 7 ottobre 1956 e dedicata all’accademico Luigi (Gino) Revelli, caduto il 3 luglio 1955 nel canalone di Lorousa (Alpi Marittime). Il panorama comprende la P. Gialin, l’aguzza Grande Uja di Ciardonei, le Cime di Valeille, la P. delle Sengie, la Roccia Azzurra, il Monveso di Forzo e parte della Torre di Lavina. Il bivacco è difficilmente rintracciabile in caso di nebbia o di scarsa visibilità.