Rifugio GEAT Val Gravio aperto

Tipologia: custodito

Categoria: C

Altitudine: 1390 m

Posti letto: 32
In locale invernale: 10

Aperture:
dal 01 Gennaio 2020 al 31 Dicembre 2020

Prenota subito

Contatti:

Vallone del Gravio, San Giorio, Valle di Susa

011 9646364 / 0122 456321

custodi@rifugiovalgravio.it

Gestore: Mario Sorbino
333-8454390

Itinerari

Itinerario Tempo di percorrenza Dislivello totale
Accesso al rifugio GEAT Val Gravio 01:00 235

Informazioni

Il Rifugio GEAT Val Gravio è un rifugio situato nel comune di San Giorio di Susa, in Val Susa, a 1390 metri di quota.

Il rifugio é aperto tutto l'anno nei fine settimana, nei festivi ed in settimana su prenotazione per gruppi organizzati. Apertura continuativa nei mesi di luglio e agosto.


Bar - Ristorante

Nel nostro rifugio potrai organizzare pranzi con la tua famiglia o con i tuoi amici, anche per gruppi numerosi!

Il nostro menu prevede:
- antipasti piemontesi e della tradizione alpina;
- taglieri di salumi e formaggi selezionati della valle;
- polenta della tradizione concia, con salsiccia e/o con funghi;
- dolci e torte fatte in casa;
- alternative per vegetariani.

E ancora: birre, vini, amari e genepy del territorio.

E' gradita la prenotazionecustodi@rifugiovalgravio.it

 

 

Al Rifugio Val Gravio in bici...

Il rifugio “GEAT Val Gravio” ha aderito al servizio Albergabici, della Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta (FIAB), che ha lo scopo di segnalare le strutture ricettive idonee ai cicloescursionisti e di promuovere la mobilità sostenibile.

Il rifugio dispone di un ricovero coperto per le biciclette e di una piccola officina per le riparazioni di emergenza.

Sono previste agevolazioni, oltre che per i Soci CAI, anche per i Soci FIAB.

Storia

Costruito nel 1928, venne distrutto durante la guerra nel maggio 1944; sei anni più tardi fu ricostruito e successivamente ampliato fino ad avere la capacità e la struttura attuali. Migliorato ulteriormente nel 2009 grazie al costante impegno della sottosezione GEAT del CAI Torino, il rifugio Val Gravio conserva intatto il fascino di quegli anni